03 ottobre 2006

News d'autunno

A partire da ottobre 2006 è finalmente disponibile in libreria il libro Il Tè Verità e bugie, pregi e difetti di Gianluigi Storto pubblicato da Avverbi editore.
La segnalazione la merita perché è un bel volume, molto curato e soprattutto originale sia nel taglio dato all'opera che nei contenuti. Finalmente un libro italiano che non sia la copia o la traduzione dei classici americani e inglesi.
Gianluigi Storto è innanzitutto un chimico ed è questo l'approccio che ha inteso dare al suo libro cercando di offrire uno strumento di conoscenza del tè da un punto di vista merceologico. Interessanti soprattutto le sezioni dedicate alla composizione e agli effetti del consumo, dove si cerca di sfatare scientificamente alcuni miti e evidenziare gli effettivi pregi della bevanda.
Magari si perde un po' di romanticismo ma spero ne guadagni la conoscenza e sono certo potrà essere interessante anche per ravvivare il dibattito sul tè e sulle sue infinite proprietà, tanto decantate dai media.
Volevo segnalarvi che l'AICTEA, l'Associazione Italiana Cultura del Tè si sta muovendo da qualche anno organizzando iniziative veramente interessanti e molto frequentate dagli appassionati. Merito certo della passione di Livio Zanini e di Marco Ceresa che ne sono l'anima.
Il loro ultimo incontro si è tenuto a Vicenza e ha presentato ai fortunati partecipanti selezioni di tè Pu'er e illustrato sia la cerimonia Gongfu che quella Wuwo.
Le foto della manifestazione sono visibili presso il sito http://www.pbase.com/aictea0906 mentre se volete contattarne i responsabili: Associazione Italiana Cultura del Tè, Via Luigi Rizzo 1 - 36100 Vicenza - www.aictea.it (sito in costruzione).
Mancano segnalazioni di iniziative relative al tè in Italia. Rispetto allo scorso anno ad oggi registriamo solo La Cerimonia giapponese del tè organizzata da StregaTè di Bologna e per il resto quiete assoluta.
Se conoscete iniziative legate al mondo del tè organizzate in Italia ma nache all'estero scrivetemi e le pubblicherò volentieri.

12 Comments:

At ottobre 06, 2006 8:02 PM, Blogger bibliotèq said...

Ho avuto in primis il libro direttamente da Gianluigi, fantastico, la parte tecnica è proprio ciò che cercavo e mancava sui libri che riguardano il tè. Veramentew un bravo!

 
At novembre 04, 2006 11:32 PM, Anonymous Anonimo said...

ciao Andrea.
mi chiamo Bo ,sono Thailandese. Faccio parte dello staff in una erboristeria "il filo di paglia" della sig.ra Rita Vosca.Siamo a Monfalcone ,provincia di Gorizia. dalla esperienza da 20 anni come l'erborista ,l'anno scorso la sig.ra Rita ha deciso di reallizzare la sua passione del tè transformato in un angolo del tè, dedicato al tè pregiato dal tutto il mondo. abbiamo inaugurato l'angolo del tè alla mettà di dicembre.ti ho mandato delle photo(anche per tutti i lettori del tea time club)e vorrei dire che vi aspettiamo a Monfalcone, siamo in via duca d'aosta 45, tel. 0481/43164. ciao.

http://s116.photobucket.com/albums/o18/filodipaglia/?sc=5

 
At novembre 05, 2006 3:53 PM, Anonymous Anonimo said...

il link del nostro angolo del thè è :

il filo di paglia

oppure scriveteci :

ilfilodipaglia@yahoo.it

grazie.

 
At novembre 10, 2006 6:45 PM, Anonymous Anonimo said...

Ciao Andrea!
Mi sono avvicinato da poco al mondo del tè (tè verde nello specifico!!) e stufo di bere il solito tè verde commerciale che vendono in tutte le erboristerie, vorrei avere un consiglio su un buon tè da provare. Visto la tua esperienza sapresti indicarmene qualcuno che sia verde anche in tazza??
(penso che il tè debba essere un piacere anche per la vista!!)

grazie

 
At novembre 14, 2006 12:42 PM, Blogger Andrea said...

Precisiamo che il tè è verde in ragione del processo di lavorazione e il colore fa riferimento alla foglia e non all'infuso. Detto questo è anche vero che ci sono alcuni tè che producono un infuso sicuramente verde e penso principalmente ai tè provenienti dal Giappone che, sempre in ragione del processo di lavorazione e della qualità delle foglie, producono infusioni di un bel verde giada. Esempi di tè giapponesi sono il Gyokuro, il Sencha e il Bancha che sono facilmente reperibili. Puoi provare anche il Kokeicha che è lavorato in sottili bastoncini e che produce sicuramente una infusione molto colorata.
Per quanto riguarda i tè cinesi, le sfumature vanno dall'arancio al verde. Di sicuro il Lung Ching tende all'arancio mentre ricordo uno splendido PiLoChung (Biluochun) molto verde. In verità sono talmente tanti che è difficile districarsi. Soprattutto perché, appuratane l'esistenza (di infusi di colore verde) e a parità di qualità, non vedo quale altra ragione dovrebbe farci escludere le altre tipologie e sfumature.

 
At novembre 14, 2006 6:18 PM, Anonymous Anonimo said...

grazie!!

 
At dicembre 15, 2006 2:12 PM, Anonymous kramari@gmail.com said...

Hi, I can't understand a word of the text, but I found this blog through the http://www.teatime.it/ in my search for some pictures of tea and stuff like that. I am preparing a blog in Croatia about tea. I was wondering if you could send me the template you used to design your blog. Thanks

 
At gennaio 21, 2007 3:46 AM, Anonymous Anna said...

Salve. Ho trovato attraverso internet il vostro blog e il sito. Tutto molto interessante. Complimenti. Mi sembra che il mondo del tè stia vivendo un grande momento. In questo post si lamenta la mancanza di iniziative sul tè in Italia. Strano! Io sono stata a Vicenza per Expotè ed è stato veramente molto interessante. Scarsa la presenza di espositori (ma del resto in Italia le aziende si contano sulle dita di una mano). In compenso gli eventi culturali e i seminari organizzati, tutti gratuiti, sono stati veramente insuperabili. Complimenti agli organizzatori.
Mi sembra strano che di questo evento (credo primo e unico in Italia) non ne abbiate parlato e non gli sia stato dato il giusto risalto ne qui ne sul sito.
Grazie e continuerò a seguivirvi.
Anna

 
At gennaio 21, 2007 10:17 PM, Blogger Andrea said...

Grazie per tutti i commenti.
L'attenzione recente e passata per i tè è ormai tangibile e anche le manifestazioni ad essi dedicate sono in crescita.
Expotè è tra esse e sono felice che abbia avuto un giusto seguito (oltre 20000 presenze).
Le abbiamo dato il giusto rilievo dedicando una pagina sul sito teatime.it con lancio in home page.
Ovviamente una volta terminata la manifestazione, la pagina è stata tolta dal sito.
Il mio post di ottobre (quindi precedente a Expotè) era motivato dalla stasi post estiva, che aveva ridotto a zero le iniziative.
Inviatemi i vostri pareri su Expotè e li pubblicherò volentieri magari corredati con fotografie.

 
At febbraio 09, 2007 10:49 AM, Blogger antonio said...

www.meriagroup.com/the.html

 
At febbraio 09, 2007 10:50 AM, Blogger antonio said...

www.meriagroup.com/the.html

 
At febbraio 09, 2007 10:54 AM, Blogger antonio said...

vorrei segnalare il sito www.meriagroup.com/the.html
i prodotti esposti sono ottimi

 

Posta un commento

<< Home